COMMISSIONE LAMPO IERI AL COMUNE

flashIeri era convocata, per le 12.30 in prima convocazione ed alle 13.30 in seconda, la Commissione Attività Produttive il cui ordine del giorno recava un argomento molto importante,  ossia il nuovo regolamento per l’assegnazione dei lotti nella zona PIP. Non mi sono presentato alle 12.30 perché ero sicuro che una maggioranza che, oggi come oggi, non riesce a garantire il regolare svolgimento dei consigli comunali, figuriamoci se riesce a garantire il numero legale in commissione. In realtà sono arrivato in Comune in lieve ritardo, ossia due o tre minuti oltre l’orario previsto: alle 13.33 per la precisione.  Salendo le scale per raggiungere l’ufficio di presidenza del consiglio, dove si svolgono abitualmente le riunioni, ho incrociato i consiglieri di maggioranza Spina e Biasi che stranamente andavano via. Ho pensato che si fossero riuniti alle 12.30 in prima convocazione oppure che non si fossero affatto riuniti neanche in seconda. Comunque ho  proseguito raggiungendo l’ufficio dove ho trovato il presidente della commissione consigliere Cosimo Conte che mi ha spiegato che la riunione era iniziata alle 13.30 e che, dopo che erano stati letti solo alcuni articoli del nuovo regolamento ha valutato, insieme agli altri due, di aggiornare la seduta per consentire la partecipazione ad un numero maggiore di consiglieri.

La domanda è la seguente: considerato che c’era l’intenzione di aggiornare la seduta, perché aprire una riunione per poi farla durare circa 90 secondi?

E voglio fermarmi qui, che è meglio.

Invito i cittadini a presenziare alle commissioni che sono pubbliche: si farebbero un’idea più precisa di come e da chi sono amministrati.

Come concludere se non dicendo che i “nuovi” (si fa per dire) pare non abbiano nulla da imparare dai “vecchi”.

A Oria diciamo: nascunu tutti ‘mparati!”

Share
Questa voce è stata pubblicata in commissione consiliare e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.