SUL SERVIZIO DI PULIZIA LA GIUNTA CAMBIA IDEA

Il 15 dicembre 2012 ho pubblicato un post dal titolo “Che cuore grande” (clicca qui per leggere) che, alla fine, pare sia stato proficuo, almeno per la tranquillità di tre famiglie: quelle dei dipendenti della ditta Servizi Integrati Srl che si occupa dei servizi di pulizia presso gli immobili comunali.

Il cuore grande era quello dell’Amministrazione che aveva deciso di favorire l’inserimento lavorativo dei cosiddetti “soggetti svantaggiati” attraverso l’affidamento dei lavori di pulizia degli immobili comunali ad una cooperativa sociale di tipo B. Era questo in buona sostanza l’indirizzo fornito dall’organo esecutivo all’ufficio competente atraverso la delibera di G.C. n. 168 del 26 ottobre 2012.

In buona sostanza, con la previsione di affidamento ad una cooperativa sociale di tipo B, l’Amministrazione avrebbe sostanzialmente evitato la gara pubblica ma, in pratica, avrebbe anche MANDATO A CASA GLI ATTUALI LAVORATORI.
Avrebbe, in altre termini, aiutato alcuni soggetti deboli a discapito di altri che, di conseguenza, lo sarebbero potuti diventare. 

Concludevo il mio intervento sostenendo la incompatibilità della decisione della Giunta Comunale con il diritto a mantenere il posto di lavoro degli attuali addetti alle pulizie, sancito nel contratto regolarmente stipulato da costoro, ed invocando il rispetto della cosiddetta CLAUSOLA SOCIALE.

Dopo diversi mesi di assoluto silenzio, finalmente il giorno 27 maggio scorso è stata pubblicata la delibera di Giunta Comunale n. 91 del 22 maggio 2013, che fornisce all’Ufficio Tecnico Comunale un indirizzo diametralmente opposto a quello precedente:

1. affidare il servizio mediante procedura aperta con ciò favorendo la partecipazione del maggior numero di ditte (il contrario di quanto ritenuto utile solo qualche mese fa);

2. inserire nell’avviso pubblico una clausola che salvaguardi l’assunzione degli operatori attualmente impegnati nel servizio di pulizia degli immobili comunali.

Unica nota stonata è costituita dalla mancata pubblicazione del capitolato approvato con la predetta Giunta e perciò allegato della stessa. A tal proposito in data 29/05/2013 ho inviato al Comune una PEC con la richiesta di pubblicazione immediata, fino ad ora però senza alcun effetto.

In questa occasione non voglio soffermarmi sulla retromarcia (che comunque è evidente), bensì sul fatto che TUTTO È BENE CIÒ CHE FINISCE BENE.

Share
Questa voce è stata pubblicata in attività di giunta, gara e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.